Al Santuario

Sempre nell’ottica della pulizia e della purificazione citiamo l’abluzione che si fa prima di entrare al Santuario. Ci si sciacquano le mani tramite un mestolo e una fontanella che si trova proprio all’entrata del Santuario; ci si sciacqua anche la bocca e si sputa l’acqua fuori dalla vaschetta, come gesto di purificazione totale.

Fuori dai santuari shintoistii vengono collocate delle tavolette di legno, dove solitamente si scrivono dei messaggi rivolti agli Dei, desideri o ringraziamenti. Così avviene anche con le tanichette di sake, alle quali si annodano dei messaggi.
Inoltre si può lasciare un’offerta nel contenitore e in cambio si prende un foglietto di carta della fortuna con su scritto un messaggio: può essere una frase fortunata o una sfortunata sul proprio futuro.

0